La BUSSOLA delle politiche partecipate – Giornale online dell’Associazione Amici per la Città Onlus
­

LA NEWSLETTER DEL LUNEDI’

  • Jacinda Ardern

Nuova Zelanda, non la luna

Jacinda Ardern, la prima ministra neozelandese, ha annunciato che si dimetterà: «Essere primo ministro -ha spiegato- è stato il più grande onore della mia vita. Lascio perché questo lavoro così privilegiato comporta anche una grande responsabilità, quella di sapere quando sei la persona giusta per guidare il Paese e anche quando non lo sei. Per me è giunto il momento.» Il punto è il senso che si dà al proprio impegno politico: o è vissuto prioritariamente come servizio efficace alla comunità, con l’effetto secondario di essere gratificante per chi lo svolge o è vissuto prioritariamente come affermazione di se stessi, con l’effetto secondario di poter essere un servizio efficace per la comunità.

 

ASCOLTA L'ARTICOLO QUI   Jacinda Ardern, la prima ministra neozelandese, ha annunciato che si dimetterà il prossimo 7 febbraio, nove mesi in anticipo rispetto alle elezioni politiche. L’annuncio è stato sorprendente perché le dimissioni non [...]

AUTORE |23 gennaio, 2023|La bussola - giornale on line, Newsletter del lunedì, Primo Piano|

COLLABORA CON NOI

La Bussola è lo spazio di discussione di Amici per la Città, per condividere idee, commenti e iniziative. Non un teatro da spiare da lontano, ma una “PIAZZA” aperta al dialogo e all’espressione dei cittadini.
Vuoi parlare di sociale, vuoi dire la tua sul nostro comune impegno di cittadini, di italiani, di “Amici per la Città”? Vuoi segnalare iniziative, dare notizia di un avvenimento che ritieni importante per la crescita della consapevolezza politica e sociale?

Invia i tuoi articoli a praxis@scuolapraxis.it

Gli articoli saranno pubblicati compatibilmente con le esigenze editoriali e la loro lunghezza non dovrà superare i 4.500 caratteri.

Per una Sanità realmente accessibile: l’importanza dei PUA

24 novembre, 2022|0 Comments

I PUA, cosa sono? sono realmente accessibili? Edgardo Reali e Cristian Castellano ce lo spiegano in questo articolo!

Cosa sono i BES, Bisogni educativi speciali? Facciamo chiarezza.

22 novembre, 2022|0 Comments

In questo articolo, Martina Pasquali fa chiarezza su un tema molto importante: i BES, i Bisogni Educativi Speciali.

Oltre le barriere sensoriali: la storia di Hellen Keller

17 novembre, 2022|0 Comments

Federica Carbonin ci racconta la stupenda storia di Helen Keller, scrittrice, insegnante e attivista statunitense sordo-cieca.

Bassa marea

9 gennaio, 2023|0 Comments

Più la visione e la partecipazione politica si riducono, più prevalgono le questioni di piccolo cabotaggio: l’interesse immediato legato alle singole persone o alle correnti prende il posto di quello strategico e collettivo. La bassa marea è un lusso che non possiamo permetterci, un cattivo esempio che spegne invece di accendere, esaspera le divisioni e spinge le nuove generazioni a ripiegarsi nella sola dimensione privata della vita senza alcun interesse per i processi sociali e per la politica come spazio creativo.

Cinque minuti di sincerità

19 dicembre, 2022|0 Comments

La contrapposizione tra le due impostazioni -che riecheggia la polarità d’altri tempi tra “padroni” e “proletari”- è oggi soprattutto una questione di accenti: nessuna delle due visioni è così miope da negare totalmente le ragioni dell’altra o la necessità di un attivo ruolo “terzo” di garanzia. Anche il più acceso sostenitore della linea liberale ammette la necessità di una distribuzione della ricchezza -sotto forma di welfare alimentato dalla fiscalità- a tutela dei più deboli; così come anche il più acceso sostenitore della linea sociale capisce che nessun welfare sarebbe sostenibile senza la produzione della ricchezza e la creazione di posti di lavoro generati dalla imprenditorialità e dal mercato.

Ognuno ha i suoi problemi

12 dicembre, 2022|0 Comments

E’ vero che ognuno ha i suoi problemi -l’Ucraina la guerra, l’Iran la repressione, noi le bollette rincarate- ma forse, come si fa per la temperatura, anche per i problemi occorre introdurre la differenza tra gravità reale e gravità percepita (...) Non è proibito considerarci i più sfortunati del mondo, dipende da quanto è grande il nostro mondo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Indirizzo email