Dalla cronaca di Roma del Corriere della Sera del 17 giugno apprendiamo  che un intervento deciso dei Vigili urbani del  Comune di Roma (Nucleo assistenza emarginati appartenenti al VI Gruppo “Torri”) ha stroncato un’attività clandestina mascherata la laboratorio artigianale.

Fra villette e palazzine basse era stata allestita una scuola completa di tutto: banchi, lavagne, quattro bagni attrezzati, una reception e anche un piccolo magazzino per materiale didattico.

“Nella scuola Xin Zhi Dao si insegnava anche l’italiano ai piccoli cinesi”.

“Non si esclude che di sera i locali fossero frequentati da adulti che volevano imparare l’italiano”.

“Trovati anche scarafaggi”.