“Alla luce del Faro”. Il nuovo libro che racconta in 10 storie di giovani il cammino della Fondazione di Susanna Agnelli

Quest’anno la nostra associazione Amici per la Città ha deciso di sostenere la pubblicazione del libro “Alla luce del Faro. Storie in salita di giovani coraggiosi” (QUI)

scritto dal nostro amico Roberto Scanarotti, specializzato nell’ascoltare e restituire attraverso la scrittura storie di vita e di comunità.

Negli ultimi anni abbiamo conosciuto meglio l’attività della Fondazione Il Faro (QUI), centro di formazione professionale per giovani in condizioni di difficoltà, e ci siamo spesso appassionati alle vicende dei ragazzi che lo frequentano.

«Nel momento in cui ho scoperto il Faro -racconta Roberto- alla mia sensibilità di “raccoglitore di storie” è apparso subito con evidenza il prezioso potenziale narrativo che in esso si racchiudeva.  Prima o poi, mi sono detto, vorrei proprio ascoltare e raccontare alcune di quelle storie. E magari pubblicarle, in modo da custodirle e farle conoscere.»

Così è nato il libro, dieci storie di ragazze e ragazzi che -a un certo punto del cammino- si sono ripresi la loro vita, hanno voluto immaginare un futuro credibile e hanno cominciato concretamente a costruirlo. «Al Faro si insegnano “i mestieri” ma non solo,  –dice il direttore Gianni Del Bufalo– si insegna anche a credere in se stessi e nelle proprie capacità; si insegna che non esiste passato, per quanto burrascoso possa essere stato, che non meriti di riscattarsi e non giustifichi la speranza.» [QUI il link al suggestivo book trailer]

Sì, la newsletter di questa settimana è una specie di “marchetta”, ma i meno giovani ricordano quando il termine designava quella sorta di francobollo da incollare sul libretto assicurativo per avere poi la pensione: insomma la prova di aver investito sul futuro. In questo senso anche il libro è una marchetta: la prova che investire sul futuro si può ancora, anzi si deve. Raccontarsi il passato non serve, è solo più consolante.